periferie

approfondimenti

In rosa il tracciato previsto dal Piano Regolatore Generale della variante nord della circonvallazione.

10 km la lunghezza totale.

Circa 40 milioni di euro la stima dei costi per la realizzazione che sarebbe a carico dell'ANAS.

Occorrerebbe una sinergia tra tutte le rappresentanze istituzionali (parlamentari, rappresentanti regionali, amministrazione comunale, ecc.) per l'individuazione delle risorse finanziarie.

Anche se l'iter potrebbe essere di 5-10 anni questo ci impone di cominciare il percorso il più presto possibile.

I disagi di circa 7.000 abitanti sono una priorità assoluta e la politica ha il dovere di trovare le soluzioni.

(In fucsia) il tratto di circonvallazione da eliminare per ricollegare il quartiere con il resto della città.

Si potrebbe intervenire anche da subito e individuare alcune viabilità alternative (in arancio)  per i collegamenti da/per Bari con Gravina.

(In fucsia) il tratto di circonvallazione da eliminare per ricollegare il quartiere con il resto della città.

 

(In arancio) l'assurdo progetto di un sottopasso, avallato dall'amministrazione Stacca-Lorusso per favorire il collegamento di via Manzoni con suoli destinati a parco urbano dove non è possibile realizzare alcuna volumetria, la cui proprietà è ricondicibile a noti esponenti politici vicini all'amministrazione uscente.

Un'opera di questo tipo, che costa alla collettività non meno di 3 milioni di euro, risulta del tutto ingiustificabile e non risponde ad alcuna priorità. È leggittimo il sospetto che un tale intervento sia propedeutico all'ennesima speculazione edilizia.